fbpx

U n diamante, nella cultura orafa italiana, é per eccellenza trasparente. Ma la moda ha imposto sul mercato, soprattutto negli ultim anni, anche i diamanti colorati, i cosiddetti fancy diamond, e queste pietre così particolari hanno iniziato a farsi notare anche nel nostro paese.

I diamanti colorati devono la loro colorazione alla particolare struttura chimica del carbonio, che può avere al suo interno atomi dispersi di azoto (giallo),  boro (blu) o ferro. Quando avviene l’ossidazione, la presenza di questi elementi combinati in varie percentuali dà vita a queste colorazioni molto varie e molto suggestive. Il colore può essere più o meno intenso e profondo.

Alcune di queste colorazioni sono molto rare e questo ovviamente incide molto sul valore della pietra. Circa il 95% dei diamanti tagliati presenti sul mercato varia dal trasparente al giallo più o meno intenso: si tratta dei cosiddetti “Cape”, diamanti che prendono il nome del primo sito di estrazione diamantifero in Sud Africa. I diamanti con colori più decisi sono invece molto più rari e per questo ovviamente più pregiati.  Si tratta di pietre che di solito arrivano dalla miniera di Argyle, in Australia, da cui viene estratta ogni anno la più grande percentuale di diamanti rosa al mondo.

L’onda d’urto sui mercati (e sui costumi) dei Fancy Diamonds

La richiesta dei diamanti fancy sul mercato internazionale è piuttosto limitata e decisamente inferiore a quella dei più classici diamanti trasparenti. Tuttavia, la loro bellezza sfacciata e la loro rarità (oltre alla promozione che stanno facendo loro molte celebrities  internazionali) stanno aumentando la curiosità intorno a queste pietre, soprattutto nei paesi con le economie più emergenti (come Cina e India).

Anello solitario con diamante fancy taglio smeraldo

Negli ultimi 10 anni i diamanti fancy hanno fatto una vera e propria irruzione nei mercati di settore, andando anche a modificare in qualche modo gli stessi criteri di valutazione dei diamanti. Mentre prima la purezza, l’assenza di inclusioni o colorazioni varie era sinonimo di perfezione (e ricercatezza) assoluta, negli ultimi anni i diamanti più pregiati su scala globale sono quasi tutti colorati. È davvero buffo pensare che queste pietre un tempo sarebbero state etichettate quasi come difettose.

Al contrario di quello che accade con le pietre incolori, la grandezza del diamante fancy non va ad incidere in modo significativo sul valore finale: è infatti il colore stesso e la sua intensità ad essere predominante. L’attrattiva dei fancy diamonds come forma di investimento è letteralmente schizzata alle stelle negli ultimi anni. Protagonista assoluto il Fancy Yellow, la cui valutazione è aumentata in modo sproporzionato (327% in dieci anni).


E proprio un Fancy Yellow è protagonista della nostra campagna “Chiedi la luna”: incastonato su una montatura a rilievo molto importante e circondato di brillanti trasparenti più piccoli che lo coronano, questo diamante risalta in tutta la sua lucentezza. Un oggetto di grande valore che, grazie alle competenze di gemmologia che abbiamo sviluppato in Bottega Orafa e al nostro contatto diretto con i migliori rivenditori internazionali, possiamo offrirti a un prezzo molto competitivo. Sei curioso di sapere quale? Non ti resta che venire a trovarci nel nostro atelier!